29 gennaio 2009

Medicina per alunni 2.0

Da consumarsi poco prima dell’alba.

Consultate le previsioni del tempo la sera precedente.
Prendete un balcone. Metteteci dentro una sdraio.
Sedetevi.
In silenzio, aspettate che il sole sorga e colori l’aria.
Considerate le variazioni d’azzurro.
Respirate piano.
Dite “grazie”.
Se vi viene meglio: urlatelo, cantatelo, ballatelo.
Avete appena assistito al miracolo di chi brilla nel fare il suo quotidianissimo dovere.Adesso tocca a voi.

(Non ci sono effetti collaterali e non mi venite a dire che è romanticismo, soprattutto se non ricordate quando è stata l’ultima volta)

2 responses to “Medicina per alunni 2.0”

  1. Vanda ha detto:

    Chi si sveglia(come me)alle 5.30 può sempre assistere allo spettacolo meraviglioso e gratuito di un nuovo giorno !
    Nuove speranze e nuove prospettive:)!
    Purtroppo tutti mi chiedono come è il cielo,se farà freddo/caldo,le previsioni ed io ,con divertimento di tutti, sbaglio spesso 🙁 !

  2. Prof 2.0 ha detto:

    Vanda: come diceva una volta una scritta su un muro “mi sveglio prima per poter amare di più”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *