11 aprile 2019

Letti da rifare 55. Le parole prime

Gli occhi dei bambini sono così aperti che la responsabilità per ciò che racconterò mi fa trepidare. Sono più di duecento quegli occhi puntati su di me, sei terze classi […]

30 ottobre 2018

Letti da rifare 32. La noia delle cavallette

«Metti via quel telefono!». È ormai la stanca litania che ripetiamo ogni giorno ai nostri figli per tentare di recuperarne la presenza: a casa, a tavola, in mezzo agli altri. […]

2 gennaio 2018

Le orecchie dei libri

Una canzone di Simon e Garfunkel, The Dangling Conversation (la trovate in fondo all’articolo), che lo stesso Simon paragonava a The Sound of Silence, racconta l’impossibile conversazione di due amanti […]

12 aprile 2011

L’adolescenza nell’Italia dei vecchi

Mai come in questo momento si parla tanto di giovani e così poco con i giovani. Mai come in questa stagione culturale si racconta tanto l’adolescenza (appartengo ai colpevoli, sia […]

13 gennaio 2011

Io studio quanto posso

Ieri abbiamo letto in classe la fine della Vita Nova: Appresso questo sonetto apparve a me una mirabile visione, ne la quale io vidi cose che mi fecero proporre di […]

23 novembre 2010

Le parole giuste

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=r-zJqeUkU94&feature=related[/youtube]

30 novembre 2009

Battaglie

Se un uomo fa violenza, anche solo verbalmente, ad una donna ci si indigna e si è pronti a raccogliere firme per far cadere i governi. Se un uomo fa […]

19 ottobre 2009

La Baia del Silenzio

La Baia del Silenzio non è un posto dove ambientare una favola, perché è una favola essa stessa: un piccolo gioiello di mare e sabbia incastonato tra le coste liguri […]

6 settembre 2009

Zibaldino domenicale

“Credo che l’incapacità di guardare tranquillamente in faccia la rovina della propria vita esteriore e farsene carico sia la conseguenza di un difetto di prospettiva rispetto alla vita eterna” (Edith […]

4 settembre 2009

Creativi o furbi?

Nella versione di greco dell’esame di riparazione c’era una frase che diceva: “gli Ateniesi si prendevano cura dell’arte poetica”, che un alunno ha tradotto: “gli Ateniesi si occupavano della produttività”. […]