16 dicembre 2009

Una potenza misteriosa

Quando si legge il IX capitolo dei Promessi Sposi ci si deve fermare sbigottiti, esausti, tramortiti della sofferenza di Gertrude, nella quale i ragazzi si identificano immediatamente, partecipandone i travagli emotivi adolescenziali.

C’è un momento che mi toglie il fiato ed è quando Manzoni descrive l’adolescenza in due righe da ricordare a memoria:

“Tra queste deplorabili guerricciole con sé e con gli altri, aveva varcata la puerizia, e s’inoltrava in quell’età così critica, nella quale par che entri nell’animo quasi una potenza misteriosa, che solleva, adorna, rinvigorisce tutte l’inclinazioni, tutte l’idee, e qualche volta le trasforma, o le rivolge a un corso impreveduto”

Ecco io oggi volevo ringraziare Manzoni di avermi ricordato che non c’è un’età avvolta nel mistero più dell’adolescenza. Un mistero fascinoso e doloroso allo stesso tempo. Un mistero che si apre al bene, al vero, al bello come non era successo prima e come, forse, non accadrà più. Questa potenza misteriosa, che entra nel cuore di un bambino che diventa uomo, di una bambina che diventa donna, fa paura, sconvolge e turba. Essa è il richiamo potente della realtà e della vita.Questa forza misteriosa che trasforma e indirizza verso “un corso impreveduto” rende i nostri alunni fragili e sgomenti.

A noi il compito di rassicurare e prestare la forza che a loro manca per essere pienamente se stessi e dire sì al richiamo della vita vera, buona, bella. Scelta la quale ogni sgomento tace.

4 responses to “Una potenza misteriosa”

  1. Anonymous ha detto:

    Correggo : che bello non essere piu' adolescente
    Alice

  2. Charles ha detto:

    Oh, oh! Mumble, mumble…
    Mi riconosco nelle parole dell'Alessandro e nelle considerazioni di Alessandro.

    Che sia ancora adolescente?

    E' grave prof?
    Se si, non curarmi!

    Bye,
    Charles

  3. Patrizia, Acireale ha detto:

    Impreveduto: oggi avremmo scritto e detto “imprevedivile”, forse “imprevisto”.
    Ogni romanzo (ogni opera d’arte), per fortuna,nasce quando ci sono le parole eterne e giuste da fissare sulla pagina. In quel corso “impreveduto” degli eventi di Gertrude c’è tutto il suo destino.Ma forse ogni destino è impreveduto. Grande Manzoni.

  4. Silvietta ha detto:

    Alice, perchè dici così (primo commento)? Da adolescente penso che il periodo che sto attraversando sia bellissimo. Confuso, è vero, ma bellissimo. Negli innumerevoli periodi disperati che ho passato ci ho riflettuto molto. Ho riflettuto su questo periodo, su di me, su come mi sento. Ho scoperto che è tutto il contrario di quello che si pensa: gli adolescenti sono confusi, è vero, ma nella confusione si sentono liberi. Anzi, SONO liberi, perchè sanno che il groviglio di preoccupazioni si sbroglierà da solo. L’adolescenza, al contrario di quello che si pensa, è il periodo più spensierato e felice della vita. Almeno, così la penso io…

Rispondi a Patrizia, Acireale Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *