18 giugno 2009

Consegna delle pagelle

Oggi si è consumato il delitto…


“Cosa sono questi voti???”

9 responses to “Consegna delle pagelle”

  1. Francesco M. ha detto:

    La vignetta è bella perché, oltre all'evidente mutamento, mostra anche due invarianti diacroniche:
    – Una cattedra con funzione divisoria
    – Qualcuno contro qualcun altro

    Nel Mulin… ehm, nella "scuola che vorrei" ci dovrebbe essere un luogo dove poter ascoltare i professori in modo dinamico (il Peripato, il Giardino, ecc avevano forse dei pulpiti? dei banchi? delle sedie? Eppure è uscito qualcosa di grande da quei luoghi… O no?) e il principio guida dovrebbe essere "tutti per tutti".

  2. Sabrine ha detto:

    direi decisamente significativa questa vignetta… Fa capire come sono tristemente diventate le cose adesso, che tristezza!

    Saluti!

  3. AleOli ha detto:

    A me non dispiace, perchè la prendo un po' alla leggera avendo ormai passato quei tempi… …e non avendo vissuto mai, neanche fino a 5 anni fa al liceo o ora in università, questa situazione: ho preso un'insufficienza? Colpa mia che non ho studiato. Ho preso 8? Potevo prendere 9.
    …questi i miei genitori.
    E al V figlio (ed io sono la IV, valeva anche per me) quando c'erano i colloqui coi prof sapevano già cosa avrebbero detto loro e sapevano già la risposta: 'sì mio/a figlio/a non studia, chiacchiera, si distrae, è assente troppo spesso, …è colpa sua, è svogliato/a, etc'.
    Insomma, l'hanno pur sempre vissuto 5 volte! Haha

  4. Anonymous ha detto:

    sembra che i genitori vogliano il bene dei propri figli in questo modo.. ma non si rendono conto ke li distruggono.
    di genitori cosi purtroppo ce ne sono tanti, e xche poi pretendono ke i loro figli siano educati se l'esempio e' il metodo piu effikace????
    maria

  5. Anonymous ha detto:

    Mi piacciono queste “questioni di inquadrature”: oggi, la “colpa” è quasi sempre della scuola. E’ un dato di fatto, i genitori difendono i propri figli per qualsiasi cosa. Non vorrei dare giudizi, ma credo che la scuola sia cambiata perché non c’è più una chiara definizione dei ruoli e di conseguenza cambiano anche le relazioni: tra genitori e figli, tra alunni e genitori, tra alunni e insegnanti. Quindi perché non tra genitori e insegnanti?
    Ma di chi è la vera colpa e di chi sono i meriti, questo nessuno lo potrà mai sapere. C’è forse un po’ di permissivismo da parte di tutti?
    Non so se ci sarà mai una “scuola ideale”, ma per raggiungerla credo sia fondamentale una vera collaborazione tra i due sistemi educativi, scuola e famiglia, basata sul dialogo e sulla condivisione di quei valori principali necessari per un sano percorso formativo degli alunni.
    Sarà forse un'utopìa?

  6. Anonymous ha detto:

    Proprio carina e parecchio eloquente!
    Oggi, e ormai da tempo, la colpa è sempre degli insegnanti. Se un ragazzo va male la colpa è della scuola, se è bravo, invece, lo è nonostante la scuola!

  7. Anonymous ha detto:

    Prof dove sei finito????

  8. Anonymous ha detto:

    Delitto consumato, prof sequestrato!
    Qui c'è lo zampino dei genitori

  9. Anonymous ha detto:

    Salviamo il prof!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *