29 marzo 2013

Il film a parole e qualche immagine

Come sapete il film esce il 4 aprile. Abbiamo scelto di non fare un’anteprima, ma una Prima Evento in contemporanea in tutta Italia, per non penalizzare nessuno. Ci sarà un breve concerto speciale dei Modà e la presenza del cast in un cinema di Roma. A seguire la proiezione del film. Tutti quelli che vorranno potranno andare nei cinema collegati dalla loro città e partecipare all’evento concerto e poi godersi la proiezione. In questa pagina di FB trovate tutti i cinema collegati, dai quali durante lo spettacolo serale potrete partecipare all’evento. Occhio perché i biglietti stanno per finire…

***

In anteprima per voi qualche scena del film, che abbiamo scelto accuratamente:

Chi non ha dovuto affrontare queste sabbie mobili?

[youtube]http://youtu.be/jXTdor0BrtQ[/youtube]

Chi non ha avuto almeno un prof che ha lasciato il segno nella sua vita?

[youtube]http://youtu.be/VRjdljcLcHQ[/youtube]

E chi non ha dovuto lottare con ciò che ti porta via i tuoi sogni?

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=bdIoAAI_JJc[/youtube]

 

***

Se siete curiosi di conoscere il dietro le quinte, gli amici de La Stampa, Daniela Lanni in particolare, hanno fatto un bellissimo lavoro e li ringrazio. Ecco i due video in cui

1) Vi racconto un po’ il film:

http://www.lastampa.it/2013/03/28/multimedia/spettacoli/videochat-con-alessandro-d-avenia-qQCR8ThrHAhHb7HrCu5brI/pagina.html

2) Ve lo racconta Luca Argentero:

http://www.lastampa.it/2013/03/28/multimedia/spettacoli/argentero-prof-rock-per-il-film-di-d-avenia-Ij2i8dzNnx0kz4z2atc2LN/pagina.html

529970_10151542960546438_482854786_n-1

221739_10151542654516438_1956273632_n 580369_10151542655016438_1429391856_n579124_10151542960671438_421975566_n

 

 

 

59 responses to “Il film a parole e qualche immagine”

  1. Poichè il sogno non è fuga dalla realtà
    ma la rara dote di sublimarla nella dimensione artistica eternizzante.

    Non semplice dimensione estetica,
    categoria dello Spirito.

    OGNI BENE, ALESSANDRO, OGNI BENE!

  2. Cleo ha detto:

    Il 4 Aprile si avvicina!! Sono sempre più impaziente!!:D

  3. Francesca ha detto:

    Sono così impaziente di vedere il film che me lo sogno di notte e nei miei sogni io l’ho già visto… 😉

  4. maria rita ha detto:

    Grazie perché i tuoi occhi comunicano la gioia e l’amore per quello che vivi, comunicano speranza realizzata e sogno raggiunto, ma mai abbandonato e … grazie anche per il “diversamente giovani” : mi ci ritrovo in pieno!!! 😉

  5. Stella Macrì ha detto:

    5 biglietti già acquistati ! Non vediamo l’ora di andare ad incontrare il Sognatore. Grazie Prof

  6. Marta ha detto:

    non dovrebbe dare queste anticipazioni!!

  7. stefania lilla ha detto:

    Bravo Luca, hai comunicato in modo semplice ed efficace, hai speso parole affettuose per la tua e la mia città, hai dato un messaggio positivo ai ragazzi e descritto molto bene il turbine emotivo dell’adolescenza.Un bravo attore è ancora più bravo se è una persona per bene..

  8. Michela ha detto:

    Non voglio sembrare ripetitiva ma volevo nuovamente ringraziarla per l’incontro alla Mondadori di Milano, per le parole e per le riflessioni che ha lasciato a noi presenti, parole significative specialmente per i giovani che sono ‘costretti’ ad attuare scelte importanti di vita, come scegliere il percorso post-scuola superiore.
    Per quento riguarda il libro e il film, devo ammettere di essere un pochino impaziente e di nutrire un po’ di curiosità, poichè avendo amato tanto il libro, così tanto da leggerlo per ben 2 volte a distanza di anni e provando le stesse emozioni nella lettura, sono fiduciosa nelle emozioni che questo film può dare, nei messaggi che può far capire anche a chi ancora non ha avuto l’immenso piacere di leggere il suo romanzo e sulle riflessioni che può creare anche in chi conosce già perfettamente la trama. Grazie infinitamente per i suoi due libri e per le sue parole capaci di indirizzare tutti verso la strada del ‘credere nei propri sogni senza mai abbandonarli’
    Grazie davvero, Prof 2.0!

  9. bea ha detto:

    Ma nelle città che non sono collegate quando si potrà vedere?

  10. Francesca R. ha detto:

    Questo film ha quel non so che di vitale,
    quel non so che d’indispensabile,forse,
    che già l’amo.
    😉

  11. Anna ha detto:

    Ho letto il libro, visto il trailer, le anticipazioni, le interviste, ho letto articoli e recensioni, ho prenotato i biglietti …. il film ha creato in me una dipendenza.

  12. Anna ha detto:

    “E bianco come le sue stelle con le sfumature gialle …… Azzurro come te, come il cielo e il mare…..Rosso come le cose che mi fai… provare.”
    Come un pittore – Moda’

  13. Eleonora C. ha detto:

    Manca davvero poco… ormai conto i giorni!! grazie per le anteprime, prof 2.0.. il film è proprio come me lo aspettavo.. non immagino quando lo vedrò per intero!! fantastico grazie grazie grazie per tutte le emozioni che ci fai vivere…

  14. Maria Cecilia ha detto:

    C’era una mia amica che mi disse: devi assolutamente leggere questo libro…e io stentavo a comprarlo.. così me lo ha regalato, il suo, già vissuto. L’ho letto in meno di 3 giorni…leggere ti fa diventare creatore di mondi eccezionali, incredibili, entusiasmanti. E lo scrittore, che provoca la creazione di tutti gli altri, ha un compito quantomai importante. La tua capacità creativa però è speciale, sa di qualcosa di più, è ricerca della bellezza incessante, e riesce però ad essere reale, legato alla vita di tutti i giorni! Ho sentito nelle parole dei protagonisti del film delle emozioni molto simili a quelle che ho provato nel leggere il tuo bellissimo romanzo. Ringrazio il Cielo per il tuo talento e confido che non smetterai mai, di essere prima di tutto un professore! ^__________^ Buona Pasqua e buona visione!! Maria Cecilia 🙂

  15. Life ha detto:

    Ciao Alessandro! Il tuo libro è piaciuto tanto anche al mio quindicenne liceale insieme a ” Io e te” di Ammaniti . Un abbraccio e buona Pasqua di rinascita!

  16. Lu;) ha detto:

    caro alessandro,
    ho 13 anni e ho letto il tuo libro quando ne avevo 11.
    Già dalle prime pagine me ne sono innamorata e continuo a portare il tuo libro nel cuore. Io ho sempre pensato che i libri più belli fossero quelli capaci di coinvolgerti, di farti provare quello che provano i protagonisti, e ti giuro che per me è stato così! Ridevo quando Leo era felice e piangevo quando era triste. Quando ho letto che Beatrice era morta ho pianto per un’ora intera. Mi sono affezionata tantissimo al “sognatore” e moltissime volte ho desiderato di poter avere un professore come lui, o forse propio un professore come lei, perché daltronde le idee del sognatore erano le sue. Tutte le volte che una delle mie amiche vogliono leggere un libro il suo è il primo che le consiglio. Il compito che Leo ha scritto sui sogni l’ho ricopiato e incollato alla porta di camera mia, perché è una delle frasi più belle che io abbia mai sentito.
    Grazie per tutte le emozioni che mi ha fatto provare.

  17. Marta ha detto:

    Credo che questo film sarà molto apprezzato, almeno tanto quanto lo è stato per il fratello maggiore, cioè il libro. Ho amato il libro perchè per me ha avuto e ha tuttora un significato importante, ha sancito la mia rinascita, il mio essere di nuovo me stessa, uscendo dalla corazza che mi ero costruita attorno. Sono contenta per la realizzazione di questo tuo sogno Alessandro. Sei l’esempio per tutti che se si ha un sogno e ci si impegna per la sua realizzazione, si possono avverare sogni che neppure pensavamo di avere.
    In bocca al lupo per tutto Prof!

  18. Anna Rubina ha detto:

    Sono certa che questo film avrà un gran successo.Auguri di buona Pasqua e…. in bocca al lupo per la prima.Inviterò tutti i miei alunni a vederlo.
    Con stima e affetto, Anna Rubina

  19. susanna ha detto:

    BUONA PASQUA! Ho imparato che “PASQUA” significa “passaggio”, da qualcosa di doloroso a qualcosa di gioioso.Affinchè tutti noi riusciamo a vivere la nostra PASQUA,(come Leo),auguri!

  20. Sr. Daniela Silvestrini ha detto:

    Grazie per i miei alunni che contano i giorni per l’uscita del film pur non avendo un cinema in tutta la città, nè la speranza di poterlo vedere se uscirà a Tirana. Fa parte dei sogni e di quel sognare che è felice se altri possono godere, felice della pura esistenza, del tuttonuovo che nasce come la vita dal sepolcro, come le gemme che sfidano questa difficile primavera, come ogni nascita. Sono certa che il film sarà tra questa novità che fanno sperare! Anche noi continuiamo a sperare nella notizia del tuo arrivo qui…intanto i fans crescono di numero e il libro non ritorna mai in biblioteca!Auguri! Far sognare è aprire un varco alla luce, quella Luca che dalla Pasqua si irradia e preme contro le tenebre. Sr. Daniela

  21. pina cannas ha detto:

    Belle scene!!!!Specialmente quelle del prof, di come ha saputo dare una “lezione”al “bullo”senza ferire e senza mancare di rispetto e soprattutto facendosi rispettare, con humor e simpatia.
    Grazie per questi insegnamenti incoraggianti.
    Auguri a tutti di Buona Pasqua.
    Pina Cannas

  22. Beatrice ha detto:

    Oggi tutti al cinema! Grazie mille prof!!!

  23. Cleo ha detto:

    E domenica 7 aprile il momento tanto atteso….Vado a vedere il film con due mie amiche!!! La curiosità è tanta, e l’emozione di vedere lo “sviluppo” di un libro anche!;)

  24. bea;) ha detto:

    Il film è stupendo!!!non ero mai riuscita trovare un libro il cui film mi piacesse!questa volta si è veramente superato!grazie veramente prof, per averci donato, oltre ai due libri, un altro gioiello!:). PS
    Non sa quanto sogno di aver un prof come lei!
    Grazie di tutto;)
    Bea

  25. don Andrej ha detto:

    Il film l’ho giusto visto… Ho dovuto fare qualche sacrificio, ma alla fine ci sono riuscito. Ho avuto tutta la sala per me, perché lo proiettavano alle dieci di sera, ora che a me andava bene e, come sembra, a qualcun’altra no. Avete fatto un buonissimo lavoro, vi siete impegnati e per questo posso solo ringraziarvi tutti. Ci sono parecchie cose buone, dei messaggi buoni. Preoccupano però alcune cose. Per adesso non posso andare nei dettagli, magari in futuro, quando scrivo qualcosa per il nostro settimanale. Il libro è meglio un milione di volte e davvero preferisco il film, girato nella mia testa, spiacente. Le scelte di Torino e di Beatrice Francese non dispiacciono, se il problema sembrava quello.

  26. Cocky ha detto:

    E’ bellissimo!!!!!! Il Sognatore mi ha fatto ricordare perché amo fare il prof 🙂
    Grazie!!!

  27. alessandra ha detto:

    ciao Alessandro, vi ho seguiti ieri sera in diretta da un cinema di Torino.. avete fatto un lavoro incredibile, di solito quando si va a vedere il film tratto da un romanzo amato, si sa, c’è sempre qualcosa che non piace, qualcosa di non fedele abbastanza, qualcosa che non soddisfa pienamente.. ma cosi non è stato, gli attori ci hanno regalato emozioni, vedere la mia città cosi bella ci ha regalato emozioni, sentire le musiche dei Modà sotto le scene ci ha regalato emozioni!! Mi ricordo ancora quando, da poco uscito il romanzo, ti ho incontrato al Salone del Libro a Torino.. quanto tempo è passato e ieri sera eri così emozionato!! vedere la propria creazione prendere vita.. devi essere fiero della tua creazione, e cosi come te, tutto il cast, il regista, i produttori e tutto il personale dietro le quinte che ha contribuito a questa nascita!! grazie a tutti!! ..ora sono pronta per leggere il tuo secondo romanzo!!

    non cambiare mai Alessandro, sii sempre Sognatore =) !!

  28. Flo ha detto:

    Ho finito di rileggere il suo libro a
    distanza di 2 anni per la seconda volta..
    avevo 15 anni quando l’ho letto e mi
    sono identificata, per certi aspetti, in
    Leo.. Si perchè, soprattutto in quel
    periodo mi sentivo diversa dagli altri.. E la sua storia mi ha aiutata a superare la
    mia ”diversità”.. Ora dopo 2 anni l’ho
    riletto e mi sono soffermata su certi
    aspetti più profondi, e sono stati
    proprio quegli aspetti che mi hanno
    aiutato a superare altri ”problemi”.. Insomma, prof, il suo libro è un
    manuale.. Sembra che il suo libro abbia
    le soluzioni ai miei problemi.. Prof
    voglio ringraziarla di cuore perchè lei,
    indirettamente, mi ha aiutato a
    crescere.. Grazie e continui così.. Flo, studentessa, 17 anni.

  29. massimiliano ha detto:

    ciao,
    volevo solo fare i complimenti per il film che ho visto ieri sera in una sala qui vicino a Treviso.
    dopo aver letto il libro devo dire che il film rispecchia ciò che uno leggendo e usando la propria immaginazione e fatasia avevo immaginato.
    complimenti a tutti, bravissimi gli attori…
    mi piace che nel nostro contesto così oscuro ci siano luci di speranza, luoghi dove l’amore trova concretezza e non solo una vuota parola. è una occasione per riscattare le giovani generazioni e per far loro aprire gli occhi su un mondo che è ancora bello, affascinante perchè loro ci sono, è la loro storia. siete stati davvero grandi.
    l’Italia ha bisogno di speranza, papa Francesco ci invita a non lasciarci spegnere la gioia, voi state portanto un pò di luce. grazie per me, grazie per i tanti giovani che vedranno il film e che si lasceranno toccare, sfiorare almeno un pò il proprio cuore.
    da prete un piccolo appunto… potevi almeno far parlare quel povero professore di religione, visto che lo ero e forse lo sarò ancora anch’io…
    ciao
    don massimiliano

  30. Daniela Lombardo ha detto:

    Carissimo Alessandro,
    stasera ho visto il film. Ne sono stata gioiosamente sorpresa perchè è un gran lavoro e non ha tradito il senso che io ho trovato nel libro. Il fim è sempre stato accattivante, mai pesante, comico e drammatico…e quindi siete stati in grado di riunire le lacrime e il sorriso e viceversa. Gli attori sono stati grandi…genuini e belli nel vero senso della parola. Inoltre vi volevo ringraziare del pudore che si percepisce in tutte le scene..il darsi la mano di Leo e Silvia sul finale è di una tenerezza e di una riservatezza discreta e piena che arriva dritto dove deve arrivare. Ci sono lavori che sono piccole pietre preziose…stai certo che questo film lo è. Discreto, umile, ma chiaro e pulito. Sa di Buono.
    Grazie
    Daniela

  31. Lisa ha detto:

    Prima di andare a vedere il film pensavo che sarei rimasta delusa, perchè nessun film avrebbe mai potuto raggiungere il suo libro… E invece sono rimasta piacevolmente sorpresa! Il film è proprio bello, fatto bene, gli attori straordinari! E’ riuscito a farmi ridere, commuovere e riflettere… Il libro non è stato battuto, sarebbe stato impossibile, ma ha comunque trovato una sua fantastica trasposizione cinematografica! Avrei voluto sentire Leo che leggeva nel diario di Beatrice le lettere a Dio, che per me sono alcune delle parti più belle del libro, ma capisco che non si possa mettere tutto in un film. Veramente tanti complimenti prof, e, con il mio grazie, le porto anche quelli di altre 8 amiche che sono venute con me ieri sera a vedere il film (di età comprese tra i 16 e i 50 anni!)! Semplicemente grazie!

  32. Michele ha detto:

    Mi permetto di dissentire dai giudizi letti: il film è brutto. Non dico che non mi piace, sarebbe giudizio banale e irresponsabile, dico che è proprio brutto: personaggi inconsistenti(niko chi è? che ruolo ha? Beatrice a me fa paura, appena sa che muore se ne scappa con una ingratitudine inumana verso Leo)e un’incoerenza con il libro mai vista(Leo non vive nessuna catarsi, non c’è il momento di disperazione previsto dal libro; torna da Silvia solo quando scopre che lei lo ama invece di far nascere l’amore dall’amicizia, Beatrice è disperata e atea o giu di lì). Mi dispiace non tanto per i 7.5 euro sprecati ma perché una storia che dipingeva un’umanità e un amore Veri è stata stravolta per creare un indegno sequel di 3 metri sopra il cielo. Non capisco come l’autore del libro possa aver messo la sua firma sulla sceneggiatura vista la violenza(spero redditizia)apportata alla sua creatura. Non siamo davanti alla solita dicotomia tra libro e film in cui il primo è piu bello e completo ma di fronte ad uno stravolgimento consapevole. Non mi sorprende che l’unico commento negativo sia di un don…dev’esser stato triste laicizzare una storia così amorevolmente cristiana, mi dispiace per l’autore. Peccato, nel vero senso della parola se posso permettermi.

  33. Daniela ha detto:

    Sono un’amante dei libri…di quelli veri, fatti di pagine da sfogliare e che “puzzano” d’inchiostro, che riescono a farmi “girare il film” con la mente, che talvolta riescono a farmi commuovere. Solitamente evito di andare a vedere le trasposizioni cinematografiche perchè quasi sempre lasciano l’amaro in bocca, ma questa volta sono stata piacevolmente sorpresa. complimenti a tutti, soprattutto al giovanissimo Filippo Scicchitano…

  34. Anna ha detto:

    Ho visto il film stasera! Mi è piaciuto molto e penso sia fatto molto bene; ma mi è mancato molto il senso del diario di Beatrice, dei suoi pensieri, perché quando ho letto il libro mi hanno stra aiutata personalmente su cosa voglia dire credere in Dio. Penso che leggeró mille altre volte il libro, perché trasmette cose tralasciate dal film. Ti ringrazio perché con le tue storie mi fai aprire un mondo di emozioni! Felicità e commozione e per questo ti ammiro un sacco! Poi ti volevo ringraziare per quando sei venuto al Carducci e il tuo autografo era una dedica, ti sei interessato alle mie passioni! Grazie mille!

  35. elena b. ha detto:

    caro alessandro… penso che questo film non potesse venire meglio… LEO E BEA LEO E SILVIA BEA E SILVIA ♥
    PENSO PROPRIO CHE … la cosa più bella da dire sia questo… questo film mi ha emozionato e sorpreso fino all’ ultima scena… e non scherzo affatto !!!!!
    SPERO CHE RIESCA IN TUTTI I TUOI OBBIETTIVI E CHE RIESCA A FAR EMOZIONARE ANCORA MILLE E MILLE VOLTE TUTTE LE PERSONE CHE TI SEGUONO…
    un bacione forte e in bocca al lupo

  36. Lea ha detto:

    Bello il film! Finalmente uno che valga il prezzo del biglietto e anche più! Un film che ha saputo far ridere e piangere, riflettere e allontanarsi dalla realtà per entrare in un mondo nuovo. L’unica domanda che mi viene da fare però è: come mai se il Sognatore è un supplente di storia e filosofia insegna Dante? Succedeva anche nel libro, ma mi sembra una discordanza.. per il resto complimenti a tutti, soprattutto ai bellissimi Sognatore e Leo, che non mi dispiacerebbe avere tra i banchi di scuola 😀

  37. Lea ha detto:

    La prossima volta però evitate le musiche dei Modà, o almeno.. bastava una sola canzone! Danno un accento troppo mieloso al film 🙂

  38. Corrado Vaccaro ha detto:

    Dopo aver letto il libro, ho visto il film. Bellissimo. Traspaiono alcuni elementi basilari per l’educazione: la coscienza del proprio io, la purezza dei rapporti, il bisogno di abbandonarsi ad un altro.
    Un caloroso ed affettuso augurio per i tuoi nuovi progetti.
    Corrado

  39. Elisa ha detto:

    Ho visto il film solo perché trascinata da amici, da appassionata lettrice ho sempre visto con sospetto le trasposizioni cinematografiche dei libri. Pochi sono i casi veramente riusciti, rarissimi i casi in cui il film “supera” il libro… E questo, mi dispiace dirlo, non fa eccezione: le storie nate sulla carta non funzionano necessariamente quando trapiantate sullo schermo, purtroppo appaiono spesso come forzature. L’intento è buono, ma il film non comunica quanto potrebbe, non stupisce… non è abbastanza fedele per gli amanti del libro che conoscono ogni dettaglio a memoria, non è abbastanza originale per chi il libro non lo conosce e non può quindi “integrarlo” con le meravigliose e preziose sfumature presenti in ogni pagina…

    Ultima nota, gli attori: ma un corso di dizione obbligatorio per essere scritturati? Possono pronunciare la frase più rivoluzionaria della storia, ma se non si capisce quel che dicono… 🙁 i teatri sono pieni di giovani che staresti ad ascoltare per ore, solo per il fascino magnetico di una voce bella e consapevole, che ti consente di gustare ogni parola… senza nulla togliere alla bellezza dei dialetti, possibile che il cinema italiano debba sempre risultare come un’accozzaglia di inflessioni e frasi mangiate?

    Le chiedo scusa se sono stata inopportuna, ma parla la stessa sincerità che l’ha ringraziata dal profondo per la magia e la verità dei suoi romanzi…

    • Angela ha detto:

      Sono andata mercoledì a vederlo con gli amici. Non era brutto, ma niente di speciale, non superava il libro. Una cosa ben riuscita è il fatto che è riuscito ad essere comico e drammatico contemporaneamente. Mi ha fatto molto ridere che Leo non si fosse accorto che Beatrice non aveva l’affanno per il jogging!! Il ruolo del professore era messo in evidenza troppo poco, ma tutti i personaggi trovo siano stati interpretati molto bene, specielmente Leo e Silvia. baciii

  40. Giuseppe ha detto:

    Gentile professore, con tutto il rispetto e l’immensa stima che ho per lei, mi si consenta di dire che il film neppure lontanamente riesce a sfiorare il patos trasmesso dalla lettura del libro dove i personaggi sono pennellati splendidamente mentre nel film perdono il loro carico di significato. Questo film, secondo me, può purtroppo togliere la “magia” del libro…Un cordiale saluto.

  41. Marta ha detto:

    Torno ora dal cinema.
    La storia di Leo è diventata parte di me appena l’ho letta. Mi sono immedesimata nel personaggio, nelle sue domande, nei suoi dialoghi, al punto da mettermi in cerca delle risposte della mia vita.
    Ora, credo che per forza di cose il libro e il film non possano assomigliarsi, poichè nel primo colpiscono le parole, nel secondo le immagini. Molte parti trovate nel testo mi sono mancate durante la visione del film. Come ad esempio il dialogo tra Gandalf e Leo: d’un’intensità intensa e per questo vera, ma anche rara.
    Mi è piaciuto il Sognatore; Luca Argentero gli ha reso giustizia, anche se la parte in cui fanno a pugni mi ha colpita, e non in senso positivo.
    Che dire, certo il suo film piacerà a molti, ma io rimango fedele al libro, a quelle splendide parole che lei ha messo su carta e ha donato a tanti che non avevano il coraggio di sognare… E poi sono riusciti a vedere le proprie ali, e hanno iniziato a volare.

  42. Elly ha detto:

    Il fatto che lei, professore, fosse presente alle riprese del film, mi aveva fatto sperare che potesse venir fuori bene, anche se distante dalla vera trama del libro…e invece mi sono ritrovata una trama “spremuta”, nella quale sono state eliminate tutte le componenti che potevano avere un minimo di fattore educativo (l’amicizia di Leo con Silvia è ridotta a un puro e semplice utilitarismo, il rapporto coi genitori è quasi disastrato e persino Beatrice sembra che nomini Dio più per disperazione che per fede)e sono stati invece aggiunti e sottolineati dettagli a dir poco inutili e che si discostano dalla trama in modo quasi imbarazzante, trasformandola nell’ennesima banale storia d’amore/drammatica… Che dire, sono allibita dal risultato e non sono l’unica a pensarla così! Mi spiace davvero che le potenzialità della trama di questo libro siano state sprecate in questo modo…

  43. Francy ha detto:

    La locandina recita la scritta “film drammatico”. Non avevo capito che si riferisse a quanto “drammatica” fosse questa trasposizione cinematografica… Questo film è un abominio. Ho letto il libro, che è semplicemente stupendo, non mi aspettavo di vedere un film all’altezza del libro, ma nemmeno un qualcosa di così brutto. Calando un velo pietoso sulla recitazione degli attori, calando un altro velo pietoso su tutte le scemenze che vi siete inventati per rendere il film più “fashon” e che nel libro non vengono menzionate, ma da questo film non viene fuori neanche un millesimo della profondità insita nel libro! Non voglio fare uno sterile commento negativo, voglio dire che avreste dovuto rendere in qualche modo lo spessore psicologico dei personaggi… Il messaggio che viene fuori dal film è: “se la ragazza di cui sei innamorato muore, consolati e mettiti con la tua migliore amica”, non mi sembra un gran messaggio. Per non parlare dei dialoghi, il mio gatto riuscirebbe a trasmettere più emozioni, e le stesse battute sono di una banalità sconcertante. Sognatore, tanta stima per i due libri, leggendoli mi sono commossa, mi hanno dato tanto, ma la tua firma al fondo di questa sceneggiatura non è un sogno, è un incubo.
    Una tua appassionata lettrice nonché delusissima spettatrice, Francy

  44. laura bruna ha detto:

    Dear prof,nessun commento al film perchè non l’ho visto,ma mia figlia si.Con delicatezza vorrei darti un consiglio:rimani sempre te stesso,non far si che le esigenze commerciali rubino freschezza e ingenuità ai tuoi scritti prossimi.Ascolta ‘awaike’di J.Groban.un abbraccio sincero.

  45. Cristina ha detto:

    Credo che non ci sia niente di peggio di un libro, comprato per caso, per curiosità, su uno scaffale al supermercato, con uno sconto irrisorio, che è in grado, in meno di 24 ore, di sconvolgerti l’esistenza, di scuoterti, di destarti, di svegliarti da quelle che fino ad una riga prima erano le convinzioni di sempre, le convinzioni di una vita. Pensavo fosse un libro per ragazzine, quelli che forse fino a qualche anno fa avrei comprato appena uscito per imbattermi in qualche amore fantastico, romantico, da libro, da film, quelli perfetti, che ti fanno credere che forse un amore come quelli potrà capitare anche a te. Quando avevo 16 anni, quelli di Leo, credevo che potesse accadere, speravo potesse accadere. Poi la vita mi ha dato altro, io che non aspettavo, ma speravo che qualcosa comunque arrivasse, alla fine ho avuto quello che non mi sarei mai aspettata, quello che mai avrei sperato.
    L’amore è sempre molto di più di quanto la vita può darci, più di quanto inconsapevolmente chiediamo alla vita stessa.
    Cosa desta di più in queste pagine? Cosa spinge a commuoversi? Cosa spinge a restare svegli, incollati a quelle parole?
    La fame, la sete, la voglia di sognare, non un amore, non la felicità, semplicemente sognare. Sognare ad occhi aperti e con i piedi ben incollati a terra, con la consapevolezza degli ostacoli, con la rabbia nel non capire quando cadono e si fanno in mille pezzi. E poi i colori. Bianca come il latte, rossa come il sangue. A Leo il Bianco spaventa, è il nulla, il Rosso è il sangue, il sangue di un Dio che muore perchè tu viva, il sangue di Beatrice che muore, perchè il suo sangue marcisce, il sangue dei suoi lunghi capelli rossi, il sangue del suo amore per lei, del suo sogno, che crede sia lei, ma in realtà sono le sue parole, le verità che gli raccontano, i sogni che lo rendono vivo, un Arlecchino, pieno di colori. A Leo il bianco spaventa fino a che non capisce che è il colore che racchiude ogni colore, ogni sogno, ogni speranza, ogni fede, ogni amore.
    Il bianco disorienta ma ti spinge a creare, a disegnare con mille colori ogni orizzonte, ogni strada, ogni sogno, è la luce, la luce non spaventa, t’acceca, ma ti fa vivere, come un sogno. I sogni sono Bianchi, come le pagine che tra mille ostacoli e virgole, attendono solo di essere riempite.
    E l’amore e i sogni altro non sono che fili di uno stesso arazzo, spie di luce lontanissima di una stessa stella, che ti arriva negli occhi e non dimentichi più. Grazie Alessandro, grazie Prof.!

  46. Daniela F. ha detto:

    A me quando ero al liceo capitava una cosa strana: finito il compito di latino andavo dal piú bravo della classe per confrontare la versione e sembrava sempre che il professore mi avesse dato un altro brano da tradurre. Puntualmente i miei romani non erano mai dove dovevano essere. Ripensando a questo, mi viene in mente una frase di un film: quando pensiamo di sapere una cosa, dobbiamo guardarla da un altro punto di vista.; e anche quello che dice spesso un mio amico: il primo gesto d’amore è ascoltare.
    Non si puó amare senza ascoltare, perció penso che per amare qualcosa, anche un film, dobbiamo prima ascoltare quello che vuole dirci; se invece partiamo dal presupposto che abbiamo già capito tutto rimarremo sempre a guardare le cose dal nostro piccolo punto di vista, isolati e fermi.

  47. Valentina ha detto:

    Semplicemente grazie…
    Il film è bellissimo, di una profondità immensa…difficilmente piango al cinema…ieri sera mi sono davvero emozionata…
    Complimenti…una trasposizione cinematografica del libro davvero riuscita…è il primo film tratto da un libro che non mi lascia l’amaro in bocca…
    Ancora grazie prof!

  48. Lucia ha detto:

    Il film è bellissimo!
    Campiotti è un grande 🙂 anche perché è varesino 😀
    Dopo aver pianto leggendo il libro, ho pianto anche al cinema…
    Il film non ha tradito il libro, mi ha trasmesso le stesse emozioni.
    Questa sera ritorno al cinema con le mie coinquiline per condividere con loro questa esperienza!
    Grazie, grazie, grazie!!!

  49. Ele ha detto:

    Ho letto il libro qualche mese fa ed è diventato il mio libro preferito.Leggendolo ho provato delle emozioni indescrivibili! E che dire del film? Mi è piaciuto davvero tantissimo,è stata una trasfusione di vita. Mi ha infuso una sensazione di pace e di amore per la vita…
    Il cast è veramente fantastico: Leo è esattamente come me l’ero immaginato,Silvia è di una semplicità che colpisce: credo che non ci sia cosa più facile che immedesimarsi in lei. Per non parlare di Beatrice,talmente bella,elegante e graziosa…una dea,nel vero senso della parola 🙂 E c’è un’ultima cosa che vorrei dire: ho deciso che,appena compirò 18 anni, donerò il mio sangue per le persone nelle condizioni di Bea! GRAZIE,è una parola banale ma è veramente ciò che mi sento di dire. Grazie Alessandro,perchè grazie ai tuoi libri ho capito veramente l’adolescenza,la vita,l’amore…GRAZIE!

  50. Salvatore Mario Angelica ha detto:

    Mi scusi se Le dò il tu, nonostante la mia “vecchiaia” incipiente (53 “suonati”!)ma ho visto con mia figlia il film, che ritengo “educativo” tanto da dover essere visto da alunni e professori ed ho letto il libro “cose che nessuno sa”. Avrei tante cose da dirti, mi limiterò a due: tu non sei un “insegnante” ma un educatore a tutto tondo (“Razza” rara!!!) e ti assicuro che, specie con il tuo libro succitato, hai toccato i sentimenti della 7^ stanza del mio cuore…Con stima ed amicizia. “Ad maiora”!

  51. chiara ha detto:

    il film è stato bellissimo. quando ho visto che usciva nella mia città ho fatto i salti di gioia: ero troppo contenta… ho letto il libro, ho visto il film… sei un poeta 🙂 mi è solo dispiaciuto che nel film non ci fosse la parte della lettera, dell’incidente e dell’ospedale… quando all’inizio ho sentito le prime parole che hai scritto mi sono sentita come a casa, come se quel film l’avessi già visto mille volte… grazie di farmi sognare, spero di vederti prima o poi, GRAZIE!

  52. Sara ha detto:

    Ce l’abbiamo fatta! Oggi siamo stati a vedere il tuo film eravamo 100 alunni di terza della secondaria di primo grado dell’I.C. Mascagni di Melzo che sono rimasti oltre l’orario di scuola per andare al cinama e 6 professoresse che hanno regalato un pomeriggio ai propri alunni perche’ il miglior invito alla visione era dire:RAGAZZI ANDIAMO! In qs scuola dove passione, gratuita’e sogni mancano come e piu’ della carta per le fotocopie, ce l’abbiamo fatta!
    Grazie ai miei alunni che hanno detto si’, alle colleghe che hanno deciso di non contare ore e minuti e a te perche’ne e’ valsa la pena!

  53. Clara ha detto:

    Oggi ho rivisto il film per la terza volta e mi sono emozionata come la prima volta anche se il libro è insuperabile !!!!!!!!!! =] ♥♡★☆

Rispondi a Lisa Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *