Overture

Questo video d’apertura resta sempre in cima, perché tutte le volte che ne hai bisogno puoi guardarlo. Ma non fermarti qui: il resto cerco di aggiornarlo periodicamente.

Viviamo in un tempo in cui raccontare qualcosa di positivo desta sospetto. Credo che dovremmo abbassare le nostre difese e cercare ciò che in mezzo all’inferno non è inferno, farlo durare e dargli spazio, come dice il Marco Polo creato da uno scrittore a me caro. Questo però richiede coraggio, perché accogliere qualcosa di bello, vero, buono, cioè riconoscerlo come bello, vero, buono, significa mettersi in gioco personalmente per difendere e ampliare quel bello, vero, buono. Il cinismo è scorciatoia che ripara dal coinvolgimento personale e dal conseguente impegno, e a volte sembra un rifugio comodo, ma alla lunga inaridisce. Invece non nascondersi l’inferno e far crescere qualcosa di bello, lì in mezzo, è molto più appassionante. Per me questo si fa vita di tutti giorni in due modi: come insegnante, ascoltando e ampliando persone, e come scrittore, ascoltando e ampliando personaggi. Faticoso, ma entusiasmante.

La data del post? Il giorno in cui ho visto la luce per la prima volta. Per questo non sono cinico: perché mi è piaciuto, anche se ci ho pianto sopra.

2 maggio 1977 | 26

Zibaldino: perché Gabbani vuol dire fiducia!

Non guardo il Festival in diretta, perché mi annoia tutto quello che non c’entra con le canzoni: comici senza risata o volgari, personaggi e personagge più o meno giustificati, se […]

13 febbraio 2017 | 6

Interviste: una breve e una lunga

Riporto due brevi interviste: una breve, riportata sotto, è apparsa su Il Libraio intorno a social, successo, racconto teatrale, nuovo libro e altro (l’autore è Antonio Prudenzano). La seconda è […]

8 febbraio 2017 |

Una valanga ci svela chi siamo e a cosa crediamo

«Quando ieri ci ha preso la nebbia e qualche sasso rotolò dalla collina ai nostri piedi, non pensammo alle cose divine né a un incontro incredibile ma soltanto alla notte […]

22 gennaio 2017 | 7

Che libro ti regalo a Natale?

Il bellissimo inserto di Tuttolibri della Stampa del 17 dicembre è tutto dedicato a consigli di libri da regalare e regalarsi. Ecco la mia parte. *** Con i miei studenti […]

17 dicembre 2016 | 4

L’arte di essere fragili – il cortometraggio

Ed ecco a voi il cortometraggio ispirato all’Arte di essere fragili. Volevo che il cuore del libro fosse tradotto anche in immagini cinematografiche: potenti, vere, bellissime. Così è. Ringrazio tutti […]

13 dicembre 2016 | 14

Con Omero, Vermeer e Bob Dylan è dolce naufragare nella bellezza

Il gigantesco viaggio nella creatività umana di Giuseppe Montesano e del suo “Lettori selvaggi”, dai misteriosi artisti della preistoria a Beethoven e Jacovitti. Questa non è un’antologia ma la festa […]

11 dicembre 2016 | 2

50 motivi per amare Leopardi (II parte) e un video della prima teatrale

In “L’arte di essere fragili” (Mondadori) Alessandro D’Avenia racconta del suo incontro con Giacomo Leopardi e della scoperta di un ragazzo e poi di un uomo completamente diverso dallo sfortunato […]

22 novembre 2016 | 8

50 motivi per amare Leopardi e un’anteprima del racconto teatrale

In “L’arte di essere fragili” (Mondadori) Alessandro D’Avenia racconta del suo incontro con Giacomo Leopardi e della scoperta di un ragazzo e poi di un uomo completamente diverso dallo sfortunato […]

15 novembre 2016 | 3

Questo libro è un mistero. E non lo è.

L’arte di essere fragili ha raggiunto il primo posto assoluto nelle classifiche ad una settimana dall’uscita. Lo devo a voi e qui provo a spiegarmi il perché. *** Questo libro […]

13 novembre 2016 | 9

Il terremoto secondo Leopardi

“A chi piace o a chi giova cotesta vita infelicissima dell’universo, conservata con danno e con morte di tutte le cose che lo compongono?”. Così domanda alla Natura l’indomito Islandese […]

4 novembre 2016 | 4